La Madonna dell’Orto è una delle più grandi e belle chiese di Venezia, situata nel sestiere di Cannaregio, vicino a Rio Terrà Lista di Spagna.

La chiesa venne costruita verso la metà del XIV secolo; inizialmente fu dedicata a Dio,alla Beata Vergine e a San Cristoforo, il santo patrono dei viaggiatori.                      Il nome attuale venne dato dalla popolazione dopo che,all’interno della chiesa,vi fu collocata una statua della Vergine ritenuta miracolosa perché precedentemente posta nell’orto del suo scultore, Giovanni De Santi,si diceva emanasse strani bagliori durante la notte.                                                                                                                                   Nel 1414 il Consiglio dei Dieci concesse alla chiesa l’ uso ufficiale del nome “Madonna dell’Orto”.

La chiesa è senza dubbio uno dei luoghi più simbolici dell’ architettura gotica veneziana.                                                                                                                                           La facciata e il chiostro risalgono al 1460-1464, le statue, invece,agli inizi del Cinquecento; dello stesso periodo è il campanile a cupola.                                                   Gli interni sono impreziositi da alcune delle meravigliose opere di Cima da Conegliano, Tiziano, Palma il Giovane e dagli splendidi dipinti di Jacopo Robusti detto il “Tintoretto”, oggi sepolto nella navata destra, e dei quali si conserva ancora il contratto,datato 14 maggio 1565.                                                                                                      L’organo, funzionante, è collocato sopra il portale d’ ingresso.                                             Il campo di fronte la chiesa è uno dei pochi rimasti a Venezia, con la tradizionale pavimentazione in mattoncini di cotto, posizionati a spina di pesce.

Con un po’ di fortuna in zona si può incontrare il signor Egidio, un veneziano purosangue, che racconta a chi vuole storie e leggende…..Per esempio quella su San Cristoforo, un traghettatore che trasportava sulla sua barca i visitatori in cambio di soldi.                                                                                                                                                   Un giorno per strada trovò un bambino, Gesù, lo prese in braccio ed era così pesante da paragonarlo al peso del mondo; da quel giorno Cristoforo non fu più così avido di denaro.

Oggi sulla facciata della chiesa, sopra al rosone si trova una statua che rappresenta San Cristoforo con il bambino Gesù sulle spalle.

                                                                                                                                Irene Talon 2C

 

Annunci