Fra le tante meraviglie che Venezia può offrire, non si può tralasciare l’incantevole fascino del Teatro la Fenice.

Situato nel sestiere di San Marco, in Campo San Fantin, oggi è il principale teatro lirico di Venezia. 

IMG_1559
Nella foto: Ninzioleto della Fenice 

Con partenza da Piazzale Roma, il tempo per arrivarci è di circa 25 minuti, che potrà sembrare tanto, ma in realtà, passeggiando tra calli e campielli, guardandosi attorno, passerà velocemente.

la fenice

Il teatro prende il nome dal mitologico e immortale uccello, di cui parla Erodoto nelle sue storie, in grado di risorgere dalle proprie ceneri.

Nel 1825 viene effettuato un primo restauro per volontà delle autorità governative che ritenevano il teatro indecoroso. È così che le decorazioni interne cambiano, posizionando sul soffitto un grande lampadario, nelle pareti vengono raffigurate le dodici ore della notte e nei parapetti altre decorazioni.

Il nome dato al teatro fu proprio premonitore, in quanto subì due incendi, il primo il 13 dicembre 1836, dovuto al mal funzionamento di una stufa che distrusse la sala teatrale e parte del teatro risparmiando le Sale Apollinee e l’atrio; il secondo fu un incendio doloso, il 29 gennaio 1996.

Dopo l’ultimo incendio, dal dolore della perdita di un così grande teatro (protagonista da sempre anche per la straordinaria acustica della vita operistica musicale e culturale italiana ed europea), nasce la volontà di ricostruirlo, ispirandosi al motto “com’era , dov’era” ripreso dalla costruzione del campanile di San Marco.

Il 7 settembre viene pubblicato il bando di gara cui partecipano imprese italiane ed estere. Si aggiudica l’appalto, con il progetto dell’architetto Aldo Rossi la A.T.I Holzmann.

In seguito ai restauri la facciata esterna del teatro ha perso la caratteristica originale diventando più moderna, mentre l’interno ha mantenuto l’aspetto che aveva.

Per qualsiasi turista che si trovasse nei pressi del teatro, in una sera d’estate, la fenice è sicuramente una tappa imperdibile per rendere unico il soggiorno veneziano. La visita tra gli ori e gli stucchi delle prestigiose sale consente di scoprire retroscena e segreti del teatro e dei suoi protagonisti, ripercorrendo la storia dalle origini ai nostri giorni.

Il teatro ospita una mostra permanente dedicata a Maria Callas e ai suoi anni di attività a Venezia.

Valentina Franchini 2°C

https://it.wikipedia.org/wiki/Gran_Teatro_La_Fenice

Annunci