La costruzione del ponte dei sospiri iniziò nel XVII secolo in stile barocco su progetto dell’architetto Antonio Contin figlio di Bernardino Contin per ordine del doge Marino Grimani, il cui stemma vi è scolpito. È situato a poca distanza da piazza San Marco, scavalca il rio di Palazzo collegando con un doppio passaggio il Palazzo Ducale alle Prigioni Nuove, il primo edificio al mondo costruito per essere appositamente una prigione. Serviva da passaggio per i reclusi dalle suddette prigioni agli uffici degli Inquisitori di Stato per essere giudicati.

Gli è stato attribuito questo nome perché la leggenda narra che, ai tempi della Serenissima, i prigionieri, attraversandolo, sospirassero davanti alla prospettiva di vedere per l’ultima volta il mondo esterno. La leggenda però è totalmente priva di fondamento, anche perché dall’interno del ponte la visuale dell’esterno è praticamente nulla.

Il termine sospiri sta ad indicare gli ultimi respiri che i condannati emettevano nel mondo libero, perché una volta condannati nella Repubblica dei Dogi non si poteva tornare indietro. Anche a New York ne esiste una copia, o, per meglio dire, una “citazione modernizzata”, che serve da collegamento tra due edifici del complesso della Metropolitan Life Insurance Company Tower, grattacielo dichiaratamente ispirato al campanile di San Marco.Esistono alcune strutture denominate ponte dei Sospiri sia a Cambridge che a Oxford, in Inghilterra. La prima appartiene al college universitario St. John’s, la seconda, che curiosamente richiama in modo più significativo il ponte di Rialto, appartiene al college Hertford. Inoltre, nel distretto di Barranco, in Lima, (capitale del Perù), si ammira un “puente de Los Suspiros”, punto emblematico di questo distretto ed uno dei luoghi più romantici della città.

Un’altra leggenda locale dice che agli amanti sarà concesso l’eterno amore e la felicità se si baciano su una gondola al tramonto sotto il ponte dei sospiri, al suono delle campane del campanile di san marco. Infine, un’ultima leggenda, (la più romantica) attribuisce il nome ai sospiri delle donne innamorate che dal ponte osservavano con dolore le celle dei propri mariti. In ogni caso il ponte è meraviglioso ed emozionante.

Annunci